Il linguaggio delle Api: ecco come comunicano le api

list In: Apicoltura Laterza: Api e Prodotti Pubblicato: comment Commento: 0 favorite Visualizzazioni: 16883

Da sempre oggetto di domanda nella biologia, anche quella più antica, il metodo di comunicazione delle api resta ancora tra gli argomenti di ricerca e osservazione che vedono protagonista il mondo animale.

Ma come comunicano le api? Alla base di questo argomento troviamo gli studi condotti da Karl Von Frisch poi racchiusi nel celebre libro “Il linguaggio delle Api”.

Con una serie di ricerche, svolte nel secondo dopoguerra, gli studi condotti dal celebre scienziato, costituiscono un importante patrimonio per la biologia.

Karl von Frisch ha dimostrato che nelle api è presente un trasferimento di informazioni per mezzo di segni convenzionali.

Le scoperte di von Frisch, premiate col Nobel nel 1973, rappresentano una tappa fondamentale dell’elaborazione teorica della biologia e hanno contribuito ad abbattere una delle ultime barriere che separavano la specie umana dal resto del mondo animale. Il linguaggio delle api è il libro più importante dello scienziato austriaco.

Entrando nello specifico, possiamo affermare che le api hanno sviluppato un sistema di comunicazione ben organizzato che si verifica attraverso varie metodologie: la danza, gli assaggi e l’emissione di sostanze odorose.

La danza delle Api

Uno dei metodi di comunicazione delle api è costituito da una sorta di “danza”.

Possiamo definire questo tipo di comunicazione come dei movimenti verso delle direzioni ben precise che sono in grado di fornire alle altre api una serie di “indicazioni stradali” se così possiamo chiamarle.

Tra i vari compiti dell’ape operaia c’è quello di andare alla ricerca di cibo, rientrata presso l’alveare, essa ha bisogno di comunicare alle compagne la posizione precisa della fonte di nutrimento.

Le api hanno la capacità di poter capire e rilevare la posizione del sole in base all’ombra che i suoi raggi proiettano nei favi.

Per indicare la posizione in cui le api devono spostarsi per raggiungere la fonte di cibo, la danza viene eseguita con movimenti circolari con un’inclinazione verticale che indica esattamente l’angolo tra la direzione del nettare e quella del sole.

La danza circolare vien utilizzata dalle esploratrici quando la fonte di cibo si trova entro 25 metri di distanza dall’alveare, l’ape esegue una danza a dorma di cerchio, alternando un giro in senso orario e uno in senso antiorario

La danza a otto viene invece utilizzata dalle api esploratrici quando le fonti nettarifere si trovano a una distanza superiore ai 25 metri. L’ape si muove descrivendo un otto e facendo ondeggiare l’addome. Le altre api annusano il nettare sul suo corpo e si uniscono alla danza poi volano per trovare i fiori con lo stesso odore dell’ape messaggera. Anche la velocità della danza contiene messaggi. La danza lenta e i movimenti dell’addome più marcati indicano che la distanza dal cibo è maggiore. La danza segnala anche la posizione rispetto al sole.

In questo modo sorprendentemente ingegnoso, le api riescono a capire in quale direzione devono recarsi per procurarsi cibo e sostentamento.

Vibrazioni e Ronzii

Oltre ai movimenti danzanti compiuti durante il volo, le api usano anche altri metodi per comunicare. Tra questi vi è l’emissione di particolari vibrazioni o ronzii che costituiscono una comunicazione uditiva.

Ronzii a specifiche frequenze, permettono alle api di trasmettere messaggi ben chiari di cui potremmo usufruire anche noi umani per capire lo stato di salute dell’alveare.

Alcuni movimenti e soprattutto i differenti toni del ronzìo possono guidare l’apicoltore nel capire quando effettuare i suoi interventi.

Possiamo distinguere infatti diversi tipi di ronziì come ad esempio quello prodotto da uno sciame orfano, o il canto della regina vergine che annunzia il secondo sciame.

Un ronzìo conosciuto da tutti gli apicoltori è quello che le api degli sciami emettono quando hanno scoperto la nuova dimora, ovvero l’arnia che l’apicoltore ha messo a loro disposizione.

Pochi sono invece gli apicoltori che conoscono il suono emesso dalle regine feconde che si preparano alla sciamatura.

Feromoni

I feromoni sono un altro metodo di comunicazione adottato dalle Api.

I feromoni costituiscono un tipo di comunicazione olfattiva. Essi non sono altro che ormoni prodotti dalle api in particolari situazioni, come ad esempio avvertimenti riguardanti la presenza di un pericolo o per comunicazioni riguardanti l’accoppiamento e la deposizione delle uova.

Questi particolari ormoni sono impercepibili dall’olfatto umano e costituiscono dei veri e propri messaggi chimici con svariate proprietà.

Gli Assaggi

Un altro metodo utilizzato per la comunicazione di informazioni è appunto l’assaggio.

Solitamente questo metodo di comunicazione, viene utilizzato per comunicare la presenza di una fonte di nutrimento.

L’ape che ha scoperto il nettare, si reca dal suo sciame e ne rigurgita una piccola quantità per farlo assaggiare agli altri componenti della colonia. Attraverso l’assaggio del nettare, le altre api sono in grado di raccogliere le informazioni necessarie sul nettare appena ingerito e in quel modo sono in grado di identificare la provenienza del nettare e volano dunque alla ricerca dei fiori.

Le api sono dunque animali molto complessi e sofisticatamente organizzati, il loro metodo di gestire la loro sopravvivenza e di comunicare, rende queste affascinati creature una fonte dalla quale non si smette mai di imparare.

Sei un apicoltore? Hai bisogno di acquistare api per il tuo allevamento?

Con Apicoltura Laterza è possibile acquistare nuclei, sciami, pacchi d’ape e Api Regine direttamente Online. Riceverete il vostro ordine in pochissimo tempo. Spediamo le nostre api con metodi professionali e sicuri e vi forniamo un certificato sanitario sullo stato di salute di tutte le api.

Acquista ora!

 

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password